PRIMA VISIONE IN ESCLUSIVA

MERCOLEDI 02/6
►ore 11.30 (VO SUB ITA)
► 19.30

GIOVEDI 03/6
► ore 19.00

VENERDI 04/6
► ore 17.00

SABATO 05/6
► ore 17.30

DOMENICA 06/6
► ore  18.30

MIGLIORE REGIA VENEZIA 2019

SULLA INFINITEZZA


MERCOLEDI 02/6
► ore 15.15

SABATO 05/6
► ore 15.15

DOMENICA 06/6
► ore  16.30

OSCAR 2021 E BAFTA 2021 ALLA MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA
YOON YEO-JEONG

MINARI

PRIMA VISIONE IN ESCLUSIVA

MERCOLEDI 02/6
► ore 17.30

GIOVEDI 03/6
► ore 17.30

VENERDI 04/6
► ore 15.15

SABATO 05/6
► ore 19.00

DOMENICA 06/6
► ore 15.00

IL FUTURO
SIAMO NOI

PRIMA VISIONE ESCLUSIVA

MERCOLEDI 02/6
► ore 20.45

GIOVEDI 03/6
► ore 15.30

SABATO 05/6
► ore 11.30 (VO SUB ITA)

DOMENICA 06/6
► ore 11.30 (VO SUB ITA)

VINCITORE EUROPA CINEMAS LABEL - BERLINO 69

STITCHES
UN LEGAME PRIVATO

prima visione esclusiva

SABATO 05/6
► ore 10.00

DOMENICA 06/6
► ore 10.00

FULCI TALKS

prima visione esclusiva

MERCOLEDI 02/06
► ore 10.00

SUNDANCE FESTIVAL 2019

HONEYLAND

previous arrow
next arrow
Slider

YULI 

DANZA E LIBERTA'

 

GIOVEDI 24/10

► ore 19.30


SABATO 26/10

► ore 17.00


DOMENICA 27/10

► ore 16.30

 

- MIGLIOR SCENEGGIATURA SAN SEBASTIAN 2018
A PAUL LAVERTY (SCENEGGIATORE STORICO DI KEN LOACH)

 

PRIMA VISIONE IN ESCLUSIVA

 

 

Regia: Icíar Bollaín

Sceneggiatura:Paul Laverty

Attori: Carlos Acosta, Kevyn Martinez, Edison Manuel Olbera Nunez,

Laura De la Uz, Yerlin Perez, Mario Sergio Elias, Andrea Doimeadios

Durata: 109'

Genere: BIOGRAFICO, DRAMMATICO

Distribuzione: EXIT MEDIA

 

L’incredibile parabola di Carlos Acosta, in arte Yuli, una leggenda vivente della danza che da piccolo si rifiutava di ballare. Obbligato dal padre che vuole riscattarlo dalle privazioni che hanno segnato Cuba dopo decenni di embargo, Yuli giunge al successo mondiale divenendo un performer paragonato per grazia e capacità tecniche a miti quali Nureyev e Baryshnikov. Miglior sceneggiatura a San Sebastián per Paul Laverty (storico collaboratore di Ken Loach)

 

" Sono stato onesto con Carlos e con i produttori quando dissi loro che non ero affatto sicuro di riuscire nell’impresa. Non avevo mai affrontato un adattamento prima d’allora e il libro di Carlos, “NoWay Home“, era stato pubblicato 10 anni prima. Sentivo chiaramente che avevamo bisogno di qualcosa di più. Per questo andai a l’Avana a vedere le prove di Carlos con la sua giovane compagnia e stetti due settimane. Visti da vicino mi hanno strabiliato.

Davanti ai miei occhi si muovevano danzatori tra i migliori del mondo, e la loro collaborazione con Carlos aveva qualcosa di davvero speciale.
Allora pensammo, perché non raccontare alcuni passaggi-chiave della sua vita attraverso la danza? E perché no, nel film Carlos potrebbe interpretare se stesso! Approfittiamo di questo suo spaventoso talento! Bisognava veder quei tendini allungarsi e sentire l’odore del sudore… Niente finti passi o attori che impazziscono per imparare qualche movimento in poche settimane. In altre parole, l’imperativo era catturare la maestosità della danza dal vero, in tutta la sua bellezza e disciplina. Non avevo mai visto niente di simile in un biopic, ero sicuro che questo approccio avrebbe costituito una grande sfida anche per Iciar, che si dimostrò subito entusiasta di sperimentare e infrangere nuove frontiere. Potevamo catturare l’indefinibile tra padre e figlio, non solo attraverso la parola, ma anche nel movimento? Potevamo rendere danza le contraddizioni di una carriera di successo? Ma non solo: anche ragionare sull’infanzia di Carlos fu di estrema importanza. Io ho lasciato casa a nove anni e non dimenticherò mai quel nodo alla gola. Carlos nemmeno. Fu quella la chiave che mi aprì la porta per raccontare la storia di una vita così straordinaria. Da lì fu naturale capire che quella era sì la storia di Carlos e della sua famiglia, ma anche di Cuba e del suo popolo. Raccontare questa storia è stato un regalo per me. Osservare Iciar al lavoro con così tanti artisti di inestimabile valore – come Maria Rovira, tanto per fare un nome – è stato a dir poco magico. Per non parlare del brillante apporto del compositore Alberto Iglesias, un talento eccezionale che non smette mai di affascinarmi.”
[lo Sceneggiatore Paul Laverty che ad oggi ha scritto 14 sceneggiature dirette da Ken Loach. “Io, Daniel Blake” (2016), e “Il vento che accarezza l’erba” (2006) hanno entrambi vinto la Palma d’Oro a Cannes. La loro collaborazione include “My name is Joe” (1998, Palma Miglior Attore a Cannes per Peter Mullan), “La parte degli angeli”(2012, Premio della Giuria, Cannes) “Sweet Sixteen” (2003, Miglior Sceneggiatura, Cannes) e “In questo mondo libero…” (2007, Miglior Sceneggiatura, Mostra di Venezia).
Oltre a YULI – Danza e Libertà, Laverty ha scritto altre due sceneggiature per Iciar Bollain: “Tambien la lluvia” (2010, Panorama audience award alla Berlinale) e “El Olivo” (2016), entrambi candidati in rappresentazione della Spagna per la corsa agli Oscar.)

 

" Raccontare la storia di Carlos Acosta mi è sembrato sin dall’inizio l’opportunità di rapportarmi a un mondo di immensa ricchezza drammatica e visiva; inoltre ero entusiasta dal modo in cui lo sceneggiatore Paul Laverty evitava la tipica struttura del biopic.
YULI si occupa di due realtà: il passato, in cui viviamo l’infanzia e la giovinezza di Acosta, e il presente, in cui il ballerino e coreografo lavora con la sua compagnia all’Avana, provando un’opera che racconta la storia della sua vita. Visitiamo i momenti chiave della vita di Carlos sia nelle sequenze di danza contemporanea, che attraverso le prove, in cui Carlos affronta la sua vita e il modo in cui cerca di raccontarla.
Come regista, non potevo sperare d’imbattermi in una storia più affascinante di questa. Tracciare il viaggio di un artista, sin dal suo rifiuto da bambino di imparare il balletto, fino a far coincidere la propria vita con la danza. Il vivere lontano dalla propria famiglia e dagli amici crea una frattura nella vita di Carlos e produce un confronto continuo con suo padre che lo spinse prima a lasciare casa e poi il suo paese, Cuba, per raggiungere la vetta." ( la Regista Icíar Bollaín')

 

"La regista basca Icíar Bollaín porta sullo schermo l’autobiografia di Acosta ‘No Way Home’ replicando nel film la struttura del testo di partenza: lo stesso Acosta è presente in scena come una sorta di narratore interno, commentando la sua vita con alcuni numeri di danza di cui è coreografo o direttamente protagonista. Nella mitologia yoruba e nei culti afroamericani, Yuli è il figlio di Ogun, semidio della guerra e del fuoco: un combattente, un guerriero. Carlos Acosta, oggi ex ballerino alle soglie dei cinquant’anni, nel mondo della danza contemporanea è stato il primo “principal” di colore del Royal Ballet, un guerriero anche lui, un ballerino rivoluzionario.
Il paragone tra il protagonista e la figura mitologica a cui è stato accostato dal padre («Un uomo che mi ha amato alla sua maniera e secondo le sue regole», dice Acosta), è ribadito a ogni passaggio come la principale chiave di lettura del film: Yuli - Danza e libertà è la storia di una battaglia interiore, la conquista del mondo da parte di un eroe di strada. Dai vicoli di L’Havana e dalla breakdance ballata sull’asfalto, Carlos approda alla danza classica e ai grandi palcoscenici; impara a controllare l’esuberanza caratteriale e traduce la potenza esplosiva del suo fisico in una compostezza di estrema eleganza. Il suo percorso conduce dal caos al controllo assoluto, dall’anarchia all’arte"(mymovies)

"Il film di Bollain è un fantastico ibrido tra realtà e finzione. La seconda è tutta nella ricostruzione dell’infanzia del protagonista, che diventa un racconto corale su una qualunque famiglia cubana in un passato non così lontano. L’altra chiave di lettura, invece, è nelle straordinarie scene di ballo che vedono protagonista Yuli, che mette in scena la sua vita durante uno spettacolo. Oltre a una regia rigorosa e pulita, l’opera si fregia di un'ottima sceneggiatura che porta la firma di Paul Laverty, un nome che non ha bisogno di alcuna presentazione.
Ottimo il cast è la fotografia che valorizza allo stesso modo sia la location caraibica che la fredda Londra dove il nostro eroe coronerà la sua carriera grazie al duro lavoro e alle attenzioni della sua maestra e del padre Pedro" ('ecodelcinema')

previous arrownext arrow
Play

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ SULLA INFINITEZZA
di Roy Andersson

PRIMA VISIONE ESCLUSIVA
MIGLIOR REGIA VENEZIA 2019
MERCOLEDI 02/6 ►ore 11.30 ► 19.30
GIOVEDI 03/6 ► ore 19.00
VENERDI 04/6 ► ore 17.00
SABATO 05/6 ► ore 17.30
DOMENICA 06/6 ► ore  18.30

Immagine non disponibile
Play

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ MINARI
di Lee Isaac Chung
MERCOLEDI 02/6 ► ore 15.15
SABATO 05/6 ► ore 15.15
DOMENICA 06/6 ► ore  16.30

Immagine non disponibile
Play

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ IL FUTURO SIAMO NOI
di Gilles De Maistre
PRIMA VISIONE IN ESCLUSIVA
MERCOLEDI 02/6 ► ore 17.30
GIOVEDI 03/6 ► ore 17.30
VENERDI 04/6 ► ore 15.15
SABATO 05/6 ► ore 19.00
DOMENICA 06/6 ► ore  15.00

Immagine non disponibile
Play

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ HONEYLAND
di Ljubo Stefanov, Tamara Kotevska
VINCITORE DEL PREMIO AL MIGLIOR DOCUMENTARIO AL SUNDANCE FESTIVAL 2019

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ STITCHES
di Miroslav Terzic
VINCITORE EUROPA CINEMAS LABEL - BERLINO 69

MERCOLEDI 02/6 ► ore 20.30
GIOVEDI 03/6 ► ore 15.30
SABATO 05/6 ► ore 11.30 (VO)
DOMENICA 06/6 ► ore  11.30 (VO)

Immagine non disponibile
Play

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ HONEYLAND
di Ljubo Stefanov, Tamara Kotevska
VINCITORE DEL PREMIO AL MIGLIOR DOCUMENTARIO AL SUNDANCE FESTIVAL 2019

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ HONEYLAND
di Ljubo Stefanov, Tamara Kotevska
VINCITORE DEL PREMIO AL MIGLIOR DOCUMENTARIO AL SUNDANCE FESTIVAL 2019
MERCOLEDI 02/06 ► ore 10.00

Immagine non disponibile
Play

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ HONEYLAND
di Ljubo Stefanov, Tamara Kotevska
VINCITORE DEL PREMIO AL MIGLIOR DOCUMENTARIO AL SUNDANCE FESTIVAL 2019

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ L'AGNELLO
di Mario Piredda
VINCITORE ANNENCY 2020
GIOVEDI 03/6 ► ore 20.30
ALLA PRESENZA DELLA PRODUTTRICE
CHIARA GALLONI

Immagine non disponibile
Play

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ GUERRA E PACE
di Martina Parenti, Massimo D'Anolfi
PRIMA VISIONE ESCLUSIVA
VENERDI 04/6 ► ore 20.30

ALLA PRESENZA DEL REGISTA
MASSIMO D'ANOLFI

ED AMNESTY INTERNATIONAL

Immagine non disponibile
Play

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ IN PRIMA LINEA
VENERDI 04/6 ► ore 18.30
ALLA PRESENZA DEL REGISTA FRANCESCO DEL GROSSO E DEL DISTRIBUTORE PIETRO LIBERATI di TRENT FILM
ANTEPRIMA NAZIONALE

MIGLIOR DOCUMENTARIO IFF DI NEW YORK

MIGLIOR DOCUMENTARIO ASTI FILM FESTIVAL

Immagine non disponibile
Play

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ NOW
di Jim Rakete

PRIMA VISIONE ESCLUSIVA
IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELL'AMBIENTE

INTERVERRA' FRIDAY FOR FUTURE E GREENPACE

SABATO 5/6 ► ore 20.45

Immagine non disponibile
Play

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ FULCI TALKS
di Antonietta De Lillo

PRIMA VISIONE ESCLUSIVA
DOMENICA 06/6 ► ore 10.00

Immagine non disponibile
Play

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ CENA CON DELITTO - KNIVES OUT
di Rian Johnson

VENERDI 21/2
► ore 17.50

SABATO 22/2
► ore 16.00

DOMENICA 23/2
► ore 16.00

★ MICHAEL PUTLAND - SHOOTING MUSIC
di Anna Bianco e Giulio Filippo Giunti

ANTEPRIMA INTERNAZIONALE
DOMENICA 6/6 ► ore 20.30
ALLA PRESENZA DEI DIRETTORI DELLA FOTOGRAFIA A. DALPIAN

E S. LUCCHESE E DELLA PRODUTTRICE GIUSI SANTORO

Immagine non disponibile
previous arrow
next arrow
Slider
Non ci sono eventi futuri

 

 

PARTNERS 

 

Privacy Policy