images/NEW_Locandine/SL1.png
images/NEW_Locandine/SL1.png
images/NEW_Locandine/10-SCATOLA.png
images/NEW_Locandine/10-SCATOLA.png
images/NEW_Locandine/8.png
images/NEW_Locandine/8.png
images/NEW_Locandine/9-AFRIN.png
images/NEW_Locandine/9-AFRIN.png
images/NEW_Locandine/Amor_0002.jpeg
images/NEW_Locandine/Amor_0002.jpeg
previous arrow
next arrow
CROSSFIRE

Italia | 2023

 

GIOVEDI' 4/4

► ore 21.00

incontro con il regista Cristiano Tinazzi e il filmaker Ruben Lagattolla

 

ACQUISTA ONLINE

 

regia: Cristiano Tinazzi
voce narrante: Federico Paino
fotografia: Ruben Lagattolla, Filippo Genovese
montaggio: Ruben Lagattolla
musica: Marco Pedrazzi e Gianluca Gaiba
produzione: Cristiano Tinazzi
con il contributo di: Justice for Journalists
con il patrocinio di: FIDU, Open Dialogue, Nessuno Tocchi Caino
durata: 80'
 

ll 24 maggio 2014 due giornalisti, l'italiano Andrea Rocchelli e il russo Andrej Mironov vengono uccisi alla periferia della città di Sloviansk, in Donbass, nell'est dell'Ucraina. I primi a battere la notizia sono i media russi, poi la notizia si diffonde a macchia d'olio a tutti gli altri media internazionali. Sono i primi giornalisti uccisi in un conflitto, quello russo-ucraino nell'est del paese, che durerà fino ai giorni nostri e che dopo l'invasione di Mosca su larga scala del paese, ha visto mietere le vite di decine di altri giornalisti, sia ucraini sia internazionali. Le indagini italiane sulla morte di Rocchelli e Mironov portano all’arresto di un soldato ucraino con doppia cittadinanza, ucraina e italiana. Il suo nome è Vitaly Markiv, e viene condannato in primo grado a 24 anni di carcere per il loro omicidio. Ma è stato veramente lui? Questa è la storia dei loro ultimi momenti di vita e di un controverso caso giudiziario.

 

 

PARTNER

 

  

 

Privacy Policy Cookie Policy