Iscriviti alla newsletter ed avrai modo di assistere
alla nostra programmazione in streaming gratuitamente.

DIS|CHIUSO

DOMENICA 29/3
► ore 16.00

L'ULTIMO VIAGGIO

Iscriviti alla newsletter ed avrai modo di assistere
alla nostra programmazione in streaming gratuitamente.

DIS|CHIUSO

DOMENICA 29/3
► ore 21.30

PREMIO FIPRESCI E MENZIONE SPECIALE DELLA LA CAMÉRA D'OR DEL 68. FESTIVAL DI CANNES (2015) E IL FRANCE 4 VISIONARY AWARD

UN MONDO FRAGILE

Iscriviti alla newsletter ed avrai modo di assistere
alla nostra programmazione in streaming gratuitamente.

DIS|CHIUSO


SABATO 28/3
► ore 21.30

SARA' IL MIO TIPO?

Iscriviti alla newsletter ed avrai modo di assistere
alla nostra programmazione in streaming gratuitamente.

DIS|CHIUSO


SABATO 28/3
► ore 18.30

PREMIO DELLA GIURIA ECUMENICA (CONCORSO) E PREMIO GUILD FILM AL 68. FESTIVAL DI BERLINO

UN VALZER TRA GLI SCAFFALI

Iscriviti alla newsletter ed avrai modo di assistere
alla nostra programmazione in streaming gratuitamente.

DIS|CHIUSO

VENERDI 27/3
► ore 21.30

IL VENERABILE W.

Iscriviti alla newsletter ed avrai modo di assistere
alla nostra programmazione in streaming gratuitamente.

DIS|CHIUSO

VENERDI 27/3
► ORE 18.00

LES OGRES

previous arrow
next arrow
Slider

DANCING WITH MARIA

 

DOMENICA 22/03 

►ore 21.30

 

  TUTTI GLI ISCRITTI ALLA NEWSLETTER
RICEVERANNO LE CREDENZIALI PER POTER ACCEDERE
ED "ASSISTERE" ALLE VISIONI 

#DIS|CHIUSO

 

71 Mostra del Cinema di Venezia, Settimana Internazionale della critica – Premio Civitas Vitae (Italia)

 

 

Regia: Ivan Gergolet

Attori: Maria Fux, Martina Serban, María José Vexenat, Marcos Ruiz,

Macarena Battista, Diana MartínezSceneggiatura: Ivan Gergolet

Fotografia: Ivan Gergolet, David Rubio

Musiche: Luca Ciut

Montaggio: Natalie Cristiani

Suono: Havir Gergolet, Francesco Morosini

Durata: 75'

Colore: C

Genere: DOCUMENTARIO

Specifiche tecniche: DCP

Produzione: TRANSMEDIA, IN COPRODUZIONE CON IMAGINADA FILMS, STARAGARA

Distribuzione: EXIT MEDIA (2015)

Buenos Aires. Nel suo studio, l'anziana danzatrice argentina Maria Fux accoglie ballerini di qualsiasi estrazione sociale, ma anche persone con handicap fisici e sociali, formando gruppi di danza congiunti. A Maria rimane solo un'ultima allieva, la più difficile. Se stessa. Attraverso il suo metodo, basato sulla percezione dei ritmi interni e sulla simbiosi con la musica, la danzatrice, all'età di 90 anni, dovrà combattere l'ultima battaglia contro i limiti del proprio corpo.

 

GERGOLET RACCONTA LA DANZATRICE ARGENTINA MARIA FUX E LA SUA CASA-STUDIO, DOVE LA DANZA È INTESA COME "L'INCONTRO DI UN ESSERE CON GLI ALTRI". ('mymovies')

 

"In coro, cantilenando, come fossero sulla scena di un teatro antico, mimi che interpretano la musica per trovare nell'anima tesori nascosti, gli allievi di Maria Fux rispondono al saluto della loro incantatrice, che ancora oggi novantatreenne, muovendosi con una grazia e una gentilezza senza pari, inizia la sua lezione. Nella quale la danza illumina frammenti di vita non sempre facile. (...) 'Dancing with Maria' del goriziano Ivan Gergolet è una esperienza dei sensi e dello spirito, prima che essere un film documentario sulla vita quotidiana della danzatrice che vive e lavora con immutato entusiasmo 'alla fine del mondo', un corpo fragile ma uno spirito immenso. (...) La macchina da presa segue e accompagna con rispetto e discrezione l'anziana artista, è quasi un mistero come si possa muovere con tale leggerezza sebbene l'età assai avanzata. Forse perché le ragioni della sua danza sono quelle della vita. (...) Le ultime immagini del film sono di forte impatto emotivo."

('Avvenire')


"Non solo il biopic di una danzatrice senza eguali, ma poesia sulla danza, quella che cura, salva e nobilita l'uomo (...) ... Così lontano così vicino dalla Pina (Bausch) di Wim Wenders, (...) diretto con pulizia ed empatia dal friulano Ivan Gergolet (...). Consigliato a chi crede nel potere terapeutico della danza e, nel caso, del balletto della macchina da presa: ciak, si balla! "

('Il Fatto Quotidiano')


"A parte (...) quelle sue parole quasi ispirate sui «ritmi interni» che tutti lì sono consigliati a ricercare, non c'è molto nel film che chiarisca quella terapia nei suoi effetti ritenuti da molti particolarmente efficaci, tuttavia la lacuna e il modesto impegno cinematografico sono in parte riscattati dalla presenza continua di Maria Fux di fronte alla macchina da presa. È bello vedere quella ultranovantenne (è nata nel '22) accennare ad ogni momento dei meditati passi di danza, chiusa in abiti dai colori tenui da cui emergono con movimento costante, delle braccia che riescono a non denunciare sulla pelle il passare degli anni mentre il viso di donna e comunque anziana sciorina ad ogni svolta candidi sorrisi rivelatori della sua grande luce interiore. Per applaudire il film, così, basta vedere quella bella persona diventare «Personaggio» a sua insaputa."

('Il Tempo')

previous arrow
next arrow
Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato sulla nostra programmazione

 

 

PARTNERS 

 

Privacy Policy